Some ads...

Search this Blog

Pageviews

Friday, December 28, 2007

A superb link from Germany


http://www.german-vintage-loudspeakers.com

I wish to anyone, to the audio daredevil, the pleasure to browse inside this superb site, also very WJAAS' friendly! A well kept secret in the whole Web... shhhhhh!


'THE MIDRANGE IS WHERE WE LIVE!'

We are Frank & Al. Frank is from Japan, Al is from Germany. These names are synonyms established a long time ago at the beginning of our friendship. We share every day interests such as Japanese Reggae personified by J.S.Bach, Sake, amplifiers, Sushi and good food in general, loudspeakers, music and common madness. We have a mutual friend, a former terrible nurse, who once escaped on mysterious tracks from Tokyo to Freiburg where she started playing the piano. She underwent a metamorphosis and now she is wonderful, especially when playing Mozart or Brahms sonatas on her Steinway B grand piano.

私たちはフランク&アルです。フランクは日本人、アルはドイツ人です。大昔に、我々の友情が始まった時から、この呼び名が使われました。(訳注:"Al Capone"とその片腕"Frank The Enforcer Nitti"から借用しています。口げんかをしている時は、お互いを、"Alfonzo","Frankonsutein"(フランコンスタイン『ヤン グ・フランケンシュタイン』の日本語字幕せりふより)と罵倒します。"Alfonzo"と優しく呼びかけると、我がドイツ人ジェントルマンはかなりめげま す)。我々は、J.S.バッハの再現とも言うべき日本のレゲエ、酒、アンプ、寿司、旨いものなんでも、スピーカー、音楽、互いが熱狂しているもの、そんな 関心事を毎日共有しています。私たちには、共通の友人がいます。かつては身の毛もよだつ恐怖の「ナース」と呼ばれていましたが、捜査の手を逃れ、ミステリ アスなルートでトキオからフライブルクへ逃亡し、そこで身も姿も変えて、ピアノを弾き始めた女性。彼女がスタインウェイ・B・グランドピアノで、モーツァ ルトやブラームスのソナタを奏でる時は、誰もがこのまま死んでもかまわぬと思ってしまう。(訳注:おいおい、何を書いとるんじゃ。Mo Hayder の"Tokyo"の恐怖のNurseとごっちゃにするな。彼女はそんな人じゃない。もっと、恐ろしい。何人のドイツ人ジェントルマンが身も心も奪われたこ とか。美しき、魔性のギャンブラー。皆さん、バーデン・バーデンのカジノにお立ち寄りの際には、お気を付けて)。

We want to take you hostage to the wonderful world of German loudspeakers which were built back in the old days. These ancient drivers have properties which seem to have vanished during the past two or three decades. By now modern day HiFi has conquered the markets worldwide.

私たちも、彼女のように、皆さんを、昔に作られたドイツのスピーカーの素晴らしい世界に誘い込み、虜にしたいのです。これらの太古のドライヴァーが持つ特 質は、ここ20年から30年の間に消滅してしまったように見えます。今や、現代においては、ハイファイが世界市場を席巻してしまっています。

"The midrange is where we live". This eternaly valid quote of Paul Klipsch needs no further comment. It represents the essence of what we are trying to advocate.

「中域こそ、我らが生きる所」。ここに引用したポール・クリプシュの言葉は、永遠に妥当するものであり、それ以上のコメントは不要でしょう。これこそ、我々が声を大にして言いたいことなのです。

Please feel invited to enjoy hundreds of pictures of vintage loudspeakers of mostly German origin. We are trying to provide you with as much background information as possible. This website will be updated regularly; with new pictures and with new research results. For further background information we need your help.

我々の招きに誘われて、どうぞヴィンテージ・スピーカーの何百枚もの写真を楽しんでください。そのほとんどがドイツで作られたものです。私たちはできるだ け多くの参考資料を提供しようとしており、このウェッブ・サイトは、新しい写真と資料で定期的に更新されるでしょう。更なる参考資料のため、皆さんの協力 を必要としています。


We do not consider ourselves the stone of wisdom! It is very very difficult at times to recapture technical or historical facts about those old drivers and the companies behind them and we are certainly willing to reverse or relativate our documentary data. Reliable documentation is scarce and some data which are available are controversial. There may be errors in parts of this web site. But we are trying to inform you as best as we can. Any help from outside to fill the information gaps is greatly appreciated! Join the party! Please help us with YOUR knowledge! So, if you know something about old speakers, magnet manufacturers, companie's history, technical data of any sort AND if you want to share this information - get in touch! If you find errors in our information or if you have another version - get in touch!

私たちは「賢者の石」だなどはうぬぼれていません。これらの古いドライヴァーやその背後にある会社について、技術的、歴史的な事実をキャプチャーすること は、時には非常に困難を極めます。私たちは、喜んでドキュメンタリー資料を入れ替えたり、その価値を相対化します。信頼できる記録はまれであり、提供でき る資料の中には、議論の余地のあるものもいくつもあります。このウェッブサイトの一部には、誤りがあるかもしれませんが、できるだけ最もよい情報を提供し ようとしています。情報の透き間を埋める外部からの援助は大歓迎です。さあ、我々の仲間になって下さい。あなたの知識で我々を手助けして下さい。古いス ピーカー、マグネット製造会社、会社の歴史、あらゆる種類のテクニカル・データについて何かご存じであれば、ご連絡下さい。また、我々の情報に間違いがあ りましたら、あるいは別のヴァージョンの情報をお持ちであれば、ご連絡下さい。

The world of German vintage loudspeakers is a fascinating chapter of engineering history. Listening to those speakers is a fascinating experience!

ドイツのヴィンテージ・スピーカーの世界は、エンジニアリングの歴史において魅惑的な1章を占めます。これらのスピーカーを聴くことは魅惑的な体験です。

"Music is the Best"
「音楽こそ最高」(Frank Zappa)。

Enjoy!

Thursday, December 27, 2007

M - U - S - I - C


Many, many years ago I had my first seminal exposure to the world of "Le Cahier de l'Audiophile", a magazine which also opened never guessed doors toward the most beautiful of passions: the sound, more than music, because in sound - in nature: crickets, wind, storm, birds - you hear the music seed and after this you'll became aware of a parallel world of infinite beauty... a by-product of this love is in hearing differences among audio gears and recording and instruments and halls... a curse, you'll say... NO!... a blessing, indeed.
Being able to follow several musical lines in classical music pieces, at a concert and at home, the joy of a montain stream water sound, and the birds... the birds! They're a blessing's blessing... since my boyhood I always loved their singing.
My mother woke up at dawn to sip a peacuful coffee cup with a singing bird company from the highest tree... for years... it was her very way to love and celebrate Earth and Its mysteries.
Now I still love same singing, and I also found a crazy way to go beyond this... on several, dozens recordings, mostly classical music, I became aware of the well kept hidden sounds captured by mikes: a motorbike in a David Munrow's record, and birds, plenty of them: in a Bert Jansch's disc, in Paniagua's several recordings on Harmonia Mundi's and many many others...
Some weeks ago I found an obscure solo lute music disc on EMI Reflexe... and I jokingly began to count the birds singing on the recording which I was able to listen to... well: I counted SIX!!! different birds singing!
The disc is: Pieces de Luth by Anthony Bailes and the Tonmeister is Johann-Nikolaus Matthes... he also recorded a FANTASTIC Hopkinson Smith's disc of S.L. Weiss Lute Music... and there too, tons of details from recording venue - unfortunately it was recorded in winter... so, no birds;-)))... but nonetheless an huge, subbass heating-boiler switching ON and OFF several times during Weiss' celestial music... well, nice mikes, Mr. Matthes!
I cannot explain "Why" I'm so attracted by these sounds, instead of considering them as distracting noises... they simply seem to near myself to musician and composer and Music and recording place.
That's why now, almost in my fifties, I understand when a Japanese gentleman, mr. Iwata-san, owning a superbly complex, expensive, BIG multiamped horn-music system, told - in an interview to Jean Hiraga of L'Audiophile fame - his life was devoted to M-U-S I-C... and he felt fortunate enough to have reached M-U-S... hoping to reach, more... I... and C, too, maybe?!?! before his death.
I'm humbly in same league: I reached in my own life M, a strong, mature, heartfelt, well done, proud "M"... and, thinking different from mr. Iwata-san, I sadly know I'll be not able to go beyond "U" or "S"... but this is one of the Great Mysteries... someone else will get closer to the Perfection, one day... and so on and on. I'm definitely faithful in humankind;-)

P.S. - if anyone wonder who's the white bearded man in the pix... he's Pandit Pran Nath, an Indian master singer, a man whose micro-tonal technique defined a new standard in musical subtleties, very rare and almost unknown in Western music... Indian musical heritage and Raga inspired La Monte Young, Terry Riley and many others...
The pix is an homage to Pran Nath's vocal accuracy and ancient art... a step closer to perfection in Music.
If you'll listen to his music you'll understand what I mean... in tears.

Sunday, December 16, 2007

My flesh & bone records-pusher!


Thanx and season's Greetings to Ivan, my only "flesh and bone" record seller ever - it seems a Tom Waits' titlesong;-)... well, he's almost the only one... at street-markets, record-fairs, while travelling I'm still dealing with real people... otherwise... only with WEB Avatars;-)
... but while at the above mentioned spots I only browse and buy, at Ivan's place I also find news, a friendly witty chat, music always "ON", interesting fresh music magazines and a living environment... my Pusher is a Music-Lover, not only a shop-keeper...
Thanks.

http://www.doyoubeat.com/jumpinjack.htm

Thursday, December 6, 2007

Tim de Paravicini - an audio maven!


I had a long-time audio love-affaire with TdP since by boyhood: my very first tube amps were a third-hand, dented but flawlessly sounding monoblocks-pair of his 509s power-amps (how I'd wish I kept'em!), he custom rebuilt and modified into a Ferrari my humble, beloved tube Revox G36 open-reel tape recorder, still my recording workhorse of choice, more than my Nagra, Stellavox or Studer tape-machines... my very own one and only vinyl record ever was recorded on the G36 and mastered at The Exchange facility in Camden Town, London which used all TdP gears: amps for cutting lathe and monitoring and throughout designed studio layout, I used for years his The Head moving-coil transformer... and... he married the nice Mrs. Olivia, a former japanese airlines hostess and he lived for many years in Japan... so, for WJAAS-sake...
Q. - who's one of the most knowledgeable men in audio to know both worlds: Eastern & Western?
A. - Simple... he's Tim de Paravicini!
http://www.ear-usa.com/timdeparavicini.htm

Friday, November 30, 2007

Something weird... but so intriguing!












Sometimes, something deeply, strongly revolutionary appears and the WEB is so friendly in sharing this exotic and esoteric knowledge... consider only 10 years ago... Japan is 10.000 miles from Europe... now it's like being few blocks from home!


... or so;-)))...


This is the "thing":




Paper-made record labels and Japanese PVC main difference between the coefficient of expansion of the long time lag in the records accumulated stress, which is where the needle has to pick up the signal when the needle point to stress is a negative impact on some given that it would set up a hypothesis.    レーベル部分をカットすることによって、蓄積された応力が解放され、更にはレコード全体の共振系Labels partial cut by the accumulated stress is released and the overall record is more resonance system is as simple as it is the sound quality changes that may be connected.  応力が溜まりやすいと思われるレーベル上の傾斜部分や、溝、ラインのあるところ、またセンターホール周辺のゆがみの多い部分を念入りにカッ*** their stress is on the label may be inclined portion and groove, line there, and the Hall Center near distortion of many parts of carefully cut and effects stand out like me.     は、レコードを浮かしたり回転シェルを使用したりして、ターンテーブルやトーンアームの共振系と出来るだけ分離するようにして*** rotating shell or using them to the turntable and tone arm of the resonator system and as a separation like it, since the change is so sound might.  一方、吸着式のターンテーブルやレコード・スタビライザーを使用しますと、レコード本体の共振系とターンテーブルの共振系が一体化する方向に向かいますので、効果が現れにくいと思っています。 Meanwhile, the suction turntables and records Stabilizer use and the records unit resonance system and the turntable resonance system is a unified direction向*** so the effect appeared difficult to believe.




The above, apparently arcane rosacrucian sentences are, as you possibly understand, related to the different percentage in shrinking of vinyl records and their paper or composite plastified-paper labels... simply, using the skill and care needed... "cutting" as per attached pixes... the sound is more airy and natural!




Try and you'll become a believer! WOW... Yes, I must admit it's quite crazy to handle this way prized, sought-after vinyl treasures, BUT... try with a double owned or a VG copy and... let me know...




 

Friday, November 16, 2007

Western/Japanese Audio Appreciation Society




For the very first time, since last summer, when I begun putting my thoughts in written form, I think it would be best done in English instead of in Italian.


Friends from abroad also asked for this, due to the (often) comical results of languages tools and WEB translators... I could open some new posts, with these amusing results... BUT... stop wasting time...;-)


I proudly announce the birth of


WJAAS - Western/Japanese Audio Appreciation Society

a newly conceived effort to share ideas of all kinds and hints, gears and materials, know-how and whatever needed in our beloved Audio worlds, so far BUT also so near each other.


Everyone devoted to Music and the goal of better reproducing or recording it will be welcomed.


The WJAAS will be collecting and spreading audio sites and links of great interest, books and records reviews; audio lovers from Japan and Rest of The World are invited to write to yours truly on this Blog, everyone interested in: vinyl records collecting, jazz, classical, any... classic audio gears: Western Electric, EMT, Siemens Klangfilm, Garrard, Telefunken, Neumann, etc. etc., triodes, horns and old cinema drivers, 15A, 66A... swapping all the above, we'll try to better blend the audio advancements reached from Far Eastern audio experts and tech-heads with European and American audio/music lovers and viceversa!


Voilà: the pebble has been throw in the pond!





Sunday, November 11, 2007

Amo Philippe Daverio


... ebbene si, lo devo ammettere, amo un'Uomo: Philippe Daverio... lo scoprii, anni fa, quando a tarda, tardissima ora, rigorosamente su Rai3, trasmetteva il suo Passepartout.
Ieri come oggi, questo programma è per me e, spero, molti altri... fonte inesauribile di ispirazione, di crescita ed arricchimento intellettuale.
... è TV NON TV... il media è televisivo, ma l'approccio è multimediale nell'accezione + pura, immagini e musica che, spesso, conosco: Bill Frisell, Michael Hedges, questo oggi, mentre con titolo "Materia", Daverio mi ha portato a spasso tra Parma, Venezia, Milano a conoscere, Fontana, Burri e Morandi... le opere spiegate da un simile, adorabile dandy son capite, sento il bisogno di ampliare le conoscenze, suggerite sapientemente dal Critico! Solo il grande compianto Federico Zeri mi dava tanto... dopo una delle ultime trasmissioni del Nostro, mi son fiondato a Palazzo Fortuny - a Venezia - per vedere una mostra che chiudeva il 5 novembre scorso... di corsa... come fosse un concerto rock.
... e ben sappiamo come l'arte sia cosa NON di moda, negletta, occupati come siamo con lavoro e vita frenetica... trovare spazio togliendolo non a famiglia ed altri sani interessi, ma ai quiz televisivi ed all'oblio da divano - neanche l'assenzio funzionava così bene! - ecco il Messaggio di Daverio. Viaggiare e conoscere, conoscere viaggiando... usare l'occhio come uno scalpello, per scoprire e capire il Mondo. Non c'è niente di elitario, in questo... il viaggio, come il miglior sesso, è - spesso - interiore, nella mente.
Dalle 13,20 alle 14 di ogni domenica... accendete il televisore su Rai3... la botta sarà FORTE, ma sopravviverete, come il sottoscritto... e Daverio, buon dandy occhialuto, acuto osservatore e cronista di mondi paralleli, potrebbe cambiarvi la vita.
Con me l'ha fatto... stranamente, NON tutti la pensano come me... leggetevi questo, trovato in rete:

...Philippe Daverio! E spero che l'eurostar arrivi presto

Ci sono dei momenti nella vita di un uomo in cui non si riesce ad esprimere ciò che si prova....ah ecco, Philippe Daverio mi sta proprio sul cazzo! Il caro Daverio, da anni ormai inchiodato ad una delle fasce orarie televisive che più amo, mi rende estremamente penosa la vita in quanto (lui) autore e conduttore di un programma che nelle intenzioni sarebbe interessante, nei fatti invece contribuisce in maniera determinante ed incisiva al tragico rigonfiamento testicolare del sottoscritto. La domenica mattina, ultima roccaforte televisiva di programmi ben più importanti (vedi Gran Prix) mi viene sistematicamente distrutta dall'opera di questo oltralpino trapiantato (in malo modo) in Italia, lui, i suoi soldi, la sua laurea in Economia, e la sua inarrestabile e imbarazzante vanità pre-senile. Voi direte: e perchè lo guardi? Perchè spesso la domenica mattina ritorno a S***a, a casa dai miei, che ovviamente non aspettano altro che mettermi sotto gli occhi questo noiosissimo e pedante esperto d'arte, facendomi andare di traverso il pranzo. E qui innesco la polemica: il ruolo dell'arte nella società moderna. Secondo Daverio, già pluricampione del mondo in addormentamento catodico indotto, l'arte è questo, l'arte è quello, perchè la teoria di qua, la pratica di là, e il movimento pseudocriptonazionalespressprimitivrealismo, e il rinascimento, e sti gran cazzi! Lui rinchiude l'arte nella gabbia dello snobismo, dell'eleganza, del museo chic, degli ambienti colti eccetera eccetera eccetera. E lo fa in buona fede: per questo nella foto sopra mi auguro che passi un eurostar: se aspettasse un espresso potrebbe morire di stenti sui binari, morte che augurerei solo in casi eccezionali o solo se dovesse continuare con il suo programma per altre ventotto stagioni. Ritornando all'arte, ma voi ve la fareste mai spiegare da uno come Daverio che parla così (cito un suo articolo):

"Per la borghesia del nostro paese vale il contrario di ciò che Karl Marx scriveva analizzando questa classe sociale nell’ambito nord europeo e definendola ‘oggi peggio di ieri e domani peggio di oggi’. Ecco, in Italia siamo all’opposto: i veri ineleganti e senza stile si acquattano tra i pronipoti della piccola nobiltà di provincia e dei professori di liceo degli anni ’30. ho grande simpatia per il piccolo borghese nostrano Alberto Sordi, per il ragioniere antropologicamente corretto e funzionale a se stesso alla Lévi-Strauss. Mentre mi fa imbestialire il déplacé: nel déplacement c’è la categoria senza stile di chi vuol essere identificato per il vestito, che indossa come il manager di seconda categoria con l’orologio portato sopra il polsino della camicia, o come chi sceglie per forza ‘lo sciancratino sub-Caraceni’, quello che Leo Longanesi definiva ‘né di Londra, né di Biella’. E ancora, nel déplacement si assiste a mirabili esempi di kitsch quale può essere il cachemire comprato a Portofino per andare in barca, quando si sa benissimo che la lana giusta è quella cruda e ‘fredda’ dei marinai”.


Siete ancora qui? Come vanno le cose in ambito intestinale? C'avete capito qualcosa? Io no. E per questo ritengo che sia giusto preoccuparsi del ruolo della sua insopportabile trasmissione (tra l'altro girata neanche tanto bene, ve lo dice uno che in quel campo ci lavora) pagata con soldi pubblici. Sono contento che ci sia una trasmissione così, ma farla in quel modo, con quel tono, e non farla per niente sarebbe uguale, se non fosse che nel secondo caso io non starei qui a sblastare (termine romano per dire: prendere in giro criticamente) 'sto francese che rinnega le sue origini e anzichè mostrarsi con la baguette sotto l'ascella e il basco di sbieco in capoccia, turba il mio immaginario col suo abominevole papillon. E sale in cattedra, spiega, parla, gode dei suoi itinerari mentali, del suo lavoro, delle sue elegantissime frequentazioni! Ma stiamo parlando di arte o di Swarowsky? Perchè l'arte non va mica consegnata a gente come lui: l'arte dovrebbe essere di tutti, dovrebbe essere mostrata nella sua quotidianità, dovrebbe uscire dai musei, dalle gallerie dove ti guardano male se non profumi di libretto d'assegni. L'arte è molto più semplice di quello che 'sto fisarmonicista alsaziano vorrebbe darci a bere. D'altronde lui comincia proprio come gallerista, mentre io mi pongo come aspirante artista: due concetti radicalmente opposti. 'A Philippppe detto Pippppe, ricordati che sei sulla rete pubblica, che devi parlare come mangi, e che a questo punto devi prendere lezioni di comunicazione, come minimo, altrimenti vattene a fare le televendite delle croste che vendono sulle reti private. Piero Angela ha reso la scienza accessibile a tutti, Baricco e Benigni quando parlano di libri ti ci portano proprio dentro e ti affascinano con la bellezza delle parole semplici, ma Daverio? Premesso che mi annoia solo a vederlo, spero per lui che smetta di travestirsi da superfigo intellettuale, si studi l'ABC di cosa è una trasmissione televisiva (e se ha voglia di ripetizioni io sono qui, lo aspetto randello-munito in un vicolo buio), e soprattutto ci restituisca l'amore per l'arte che lui ci ruba a puntate, due ore a settimana. E ora, visto che sono il paladino della retorica putrefatta, vi regalo questa falsissima critica di Daverio niente meno che a sè stesso:
"Ci sono polli che si credono aquile, Daverio vola basso nelle sue reminiscenze primo novecentesche. Il suo papillon del tutto decontestualizzato dai colori del mondo circostante ci conduce verso pericolosi abissi di follia. Già l'ultimo Van Gogh aveva in fondo predetto che il colore può portare alla distruzione dell'umanità. Daverio cammina in un habitat autocostruito malamente, fatto a sua immagine e somiglianza in una sfida diretta all'Onnipotente che, a ragione, potrebbe pure incazzarsi. Parla di arte come se fosse una formula matematica, e proprio come le formule, non ci restituisce che fredda numerologia. Lo stile oltralpino decadente in fin dei conti muore nelle sue stesse intenzioni, e con esso muore la nostra stessa voglia di arte. In sostanza meriterebbe a pieno titolo un ruolo umile e concreto, per esempio in miniera, dove il suo originale papillon sarebbe senz'altro apprezzato dalla ruvidità dei calli dei minatori, e di conseguenza tutto il suo essere lo sarebbe. "

Giustizia è fatta.


Un vero genio, un dadaista vernacolare... ma è una società libera - infatti ognuno, pro & contro può scrivere la sua, su WEB;-) - ma questo "wannabe" da lezioni di comunicazione ad un genio della comunicazione... perchè, lui, lavora "nel settore"... poverino... resisti, caro "Q.I. 32", che + tardi c'è la Domenica Sportiva...


... questa è la vita... ed il dilemma è: Daverio o Grand Prix!?!



Wednesday, November 7, 2007

Il ragnetto musicale!



Succedono cose strane, a volte... intendo VERAMENTE strane... rientrando stasera mia moglie mi accoglie con uno strano: "Devo farti vedere una cosa..." poteva trattarsi di qualsiasi cosa... mi precede verso la Stanza della Musica;-), cosa abbastanza strana... penso: "Vuoi vedere che è successo qualcosa di... noooo, non sarà successo nulla..."
Ci avviciniamo al 301 e... proprio sul portatestina, tra l'impugnatura dello shell, la testina e la copertura in plexiglas del 301 stesso... una ragnatela!!!!!!
"Vedessi stamattina... come si vedeva bene!"
... e subito a vedere, Lei... come un'entomologo con me come insetto;-))) la mia reazione... e che reazione potevo avere?!?!
Questo esserino infinitesimale... giallo aracnidino, che penzolava per una decina di centimetri dallo shell Ikeda... stanco e fiero del suo lavoro... GRANDE lavoro!
Mi piace pensare che abbia valutato con attenzione dove tessere la sua ragnatelina... ed è finito vicino alla Luce... beh... alla Lumiere, fulgida creazione artigianale, oggetto di Musica impareggiabile... che volete... son mammoletta;-) e mi son quasi commosso... badate: ho detto QUASI...
Mia moglie ed io abbiamo preso con mille attenzioni il fine tessitorino giallo e l'abbiamo portato su alcuni vecchi fiori secchi, polverosi... un vero paradiso, spero, per un giovane ragno... pieno di salti, grandi e piccoli, tra i petali, sempre nella Stanza della Musica... chè le gioie d'Euterpe è bello dividerle con gli "altri".
... e ridevamo, felici... come scemi! Auguri piccino...
P.S. - una morale (1): siete avvertiti... se a volte un disco che ben conoscete NON suona come ricordavate... magari "qualcuno" riposa nella Vostra testina;-) brrrrrrrr.....
una morale(2) ... ad ascoltare troppi CD, poi la si paga!;-)

Saturday, November 3, 2007

UN NUOVO "SERVIZIO": DIMMI CHE SCREEN-SAVER USI...


... e ti dirò chi sei;-)... in questo momento uso questo: visto per la prima volta su un Sole 24 Ore quando vi fu lo tsunami che colpì il Sud-Est asiatico... poeticamente tremendo...

Thursday, November 1, 2007

Youth without Youth di Francis Ford Coppola


Uscito nelle sale italiane il 26 ottobre scorso... bellissimo... poteva essere un pastiche: reincarnazione, doppio, un po' noir parapsicologico, un po' Hammett... una fotografia strepitosa (Mihai Malaimare Jr.)... l'apparizione cammeo del personaggio realmente vissuto di Giuseppe Tucci, maestro di Fosco Maraini ed insigne sinologo italiano.
Il fulmine che ringiovanisce e rompe e modifica il continuum spazio/tempo... Tim Roth è sublime, languido, misterioso.
Un gran bel film, riuscitissimo, a solleticare, con le sue citazioni e cambi di rotta, la fantasia di ognuno.

Saturday, October 20, 2007

Un bel linkino - Dick Waterman Music Photographer

Una vera miniera...
Questo è John Fahey con Son House nel 1965 in California... weird times!
Ma è solo una foto tra mille...

http://www.dickwaterman.com/details.php?gid=29&sgid=&pid=32

Il migliore amico dell'Uomo?





Il cane sicuramente, Chicco, è entrato ora mentre scrivo... sicuramente è mio amico... mentre Stefan Micus stende le sue ali di musica, rallenta il correre degli orologi, fa battere il cuore in modo "antico"... anche Chicco, sdraiato con gli occhi chiusi, sembra lasciarsi trasportare dalla Musica... ma il legno, anche il legno è amico, gli alberi immolati per l'uomo e la sua elevazione spirituale... immaginate un violino di cartone, una chitarra con il top di pergamena... avete mai abbracciato un'albero? La prima volta ci si sente stupidi... poi senti una energia sottile fluire... una forza ed una saggezza antichissima... a me è successo a Sella Valsugana, con una quercia di centinaia d'anni... sembrano pensieri propri, ma sono indotti, morbidi, dolci e FORTI...
Uno strumento come la chitarra che amo da decenni, quando suonata con sincerità, possiede nelle proprie tensioni costruttive, nella vibrazione indotta dalle corde, l'anima di questa saggezza!
Il grande compianto John Fahey a pagina 218 del suo "How Bluegrass Music destroyed my Life" scrisse la seguente cosa:
"There is something about guitars - maybe something magical - when played right which evokes past, mysterious, barely conscious sentiments, both individual and universal. The Road to Unconscious Past.
Guitar is a caller. It brings forth emotions you didn't know you had: it is a very personal instrument."
Se sono pazzo a dire che tre mesi fa mi sono innamorato di uno strumento, la già citata Lowden S-35 Rio e ho fatto follie per averla... ceduto un'altro strumento, venduto altre cose... per Lei... e Lei, come un'amante che sa tutto questo, mi ripaga con melodie aliene, addirittura mi fa suonare in stili che non ricordo di aver usato in passato...
... se sono pazzo, dicevo... beh, sono in buona compagnia... il vecchio John "sapeva"... i suoi libri, sia il summenzionato che l'ultimo, uscito postumo, "Vampire Vulture", riescono sempre a sorprendere... Lui sapeva che nontuttoèscrittosuilibri... forzatamente deve scriverlo... ma è come quando Robbie Basho diceva "Impara l'arte e dimenticala..." qualche pagina ed insegna a sentire... l'aria, l'anima di un luogo, l'essenza di una persona, il profumo di una strada bagnata, di un bosco, ed ecco che, magicamente, anche in questo nostro "povero" mondo... la Bellezza è QUASI ovunque... ma nessuno sa DOVE con certezza assoluta... e chi la cerca forsennatamente, con avidità può NON trovarLA per una vita intera! Dal letame nasce un fiore e un albero può essere nostro amico sulla Terra.
Om.

Friday, September 28, 2007

Vedo Rosso - un abbraccio per la Birmania...














... e per la sua gente... meravigliosa, non-violenta, tranquilla innamorata della vita, della Natura, della Pace... ora: se non vedere i poteri planetari a Yangon fare capolino con le "solite" insegne: VISA, Coke, McDonald, Mastercard... può far piacere al no-global che c'è in noi... il popolo birmano paga un prezzo altissimo... un conto è conoscere il consumismo e rifiutarne gli aspetti + beceri e maleodoranti... un'altro conto è che qualcuno applichi, da anni, censure su praticamente tutto... e che i militari che rappresentano pochissimi, ingordi e mai sazi dittatori con una visione egocentrica e paternalistica... e la prima cosa è bloccare Internet ed il suo potere enorme! Naturalmente i militari sono solo la mano di questi mostri, ma sparano ad inermi monaci isarmati e pacifici, che manifestano con tutto il popolo un malessere profondo!
Forza... siate forti, come canna che si piega al vento e si rialza fiera, più bella e forte di prima!
Vi abbraccio con infinito affetto... non è solo il ricordo dei colori del lago Inle o la bellezza struggente della natura incontaminata ed i tramonti sulle pagode a Mandalay... sono i sorrisi di donne, uomini e bambini che entrano nel cuore per restarvi...
Forza, fratelli e sorelle! W
Aung San Suu Kyi!
... indossiamo tutti qualcosa di rosso, una maglietta, anche una cravatta;-) va bene: per dire "sappiamo quel che succede laggiù e siamo con voi..." e "laggiù" non è su Marte, ma dietro l'angolo...

Friday, September 14, 2007

Gli amici


Merce rara, si diceva un tempo... e realtà che cambiacambiacambia... ormai i miei amici sono da anni di due tipi: fisici, reali e virtuali, in rete...

Prima, per un po' è stato il telefono con Ric, ad esempio, ci si sentiva, come tuttora ci si sente, con lunghe, piacevolissime telefonate che toccano di tutto, a coprire il gap del vissuto dalla precedente conversazione... Giorgio... un misto telefono e mail o thread su Forum, Gab: telefono, mail e ci vediamo domani... come un fratello; con Ric ci si vede poche, troppo poche volte mentre con Giorgio, anche domani... d'altro canto, Milano, Genova e Brescia non sono dietro l'angolo... come Berlino con Thomas o Portland con Steve o Rudi a Bergentheim, Olanda o Willi a Tubingen, Germania... ma con tutti, incredibilmente ci si ritrova al bar da Web;-))) si beve qualcosa e si mantiene vivo il filo che ci accomuna, la passione per questa o tal'altra cosa, lo scambio ironico, e, parolona... l'affetto.

Cos'è d'altrocanto l'amicizia se non un rapporto platonico tra simili...

... poi ci sono Gli Altri: Lino, un fratello, con cui suono da 5 anni... i nostri scambi sono fatti di note, SOLO di note, ma ci capiamo perfettamente; ancora Daniele, Roberto, Franz, Marco "ipadovani", come li chiama mia moglie... loro si fermano a cena, ci telefoniamo, ricambiamo visite, litighiamo anche... sono come la moglie che conosce "anche" i tuoi difetti... con gli altri amici, come con una ipotetica, virtuale "amante"... solo il meglio: pregi, cultura, empatia.

Mah...;-)

Thursday, September 13, 2007

Sperando lo conosciate...


... chiunque appassionato di strumenti acustici dovrebbe conoscere il sito di Frank Ford, uno dei migliori liutai al mondo... una vera Bibbia che affronta temi come restauri, legni, colle, qualsiasi aspetto della costruzione e della manutenzione o riparazione di strumenti a corda.

E' arrivata la Lowden S-35 Rio!






... e potrei vendere le altre chitarre!
Dopo rocambolesche manovre cui solo i collezionisti si sottopongono (cambi, spedizioni e rispedizioni, sacrifici economici) la vecchia fida ma non + adatta al mio stile esecutivo Guild F512 ha trovato un'altra casa... in Olanda... qualche soldino aggiunto et voilà: sono proprietario di una meraviglia di Abete Europeo (Germania o Italia? Credo Germania...) e palissandro brasiliano (RIO) con i bordi (binding) in acero... leggerissima come tutte le LOWDEN, e MOLTO + piccola della vecchia 010-C ora nelle mani del mio amico Lino... ma con una vociona ed una complessità di suono, di armoniche incredibile... mette in ridicolo alcune vecchie Martin anni '60 e assomiglia molto - con, forse, una ancor maggiore quantità di armoniche - ad una mia deliziosa Martin 00-21 in Adirondack/Brazilian Rosewood e finitura French-polish del 1917... anni in cui l'orgoglio di una piccola manifattura come la Martin dava il meglio... legni 2die4, come direbbero gli americani... la "piccola" S-35 sembra suonare al di fuori della propria cassa armonica, espande una sfera di suono ricco, gradito a chi suona e a chi ascolta... due corde ed è armonia!
WOW!

Monday, September 10, 2007

Naomi Klein o della crisi NON passeggera...


Dopo aver catechizzato i no-global di tutto il mondo con le sue idee, ritorna la piccola GRANDE Naomi, ebrea che ce l'ha con gli ebrei e con molti, MOLTI altri... è in uscita il suo libro "Shock Economy" - pubblicato da Rizzoli ed in libreria in questi giorni... riassumiamo i sei capisaldi sei della pestifera Klein:

1) La "shockterapia" sfrutta il caos dopo guerre o catastrofi per imporre misure economiche impopolari o combinare inciuci vari - non è una novità: quando il povero Alfredino Rampi, eoni fa, era nel pozzo dove vide la morte, i ns. politici ne facevano di cotte e di crude, mentre l'Italia era incollata ai televisori... niente di nuovo sotto il sole, come vedete...


2) Esiste un orribile sciacallo che punta alla radicale privatizzazione non solo della società, ma anche della risposta al disastro


3) Le catastrofi prodotte dai mutamenti climatici finiranno per distruggere ciò che rimane delle infrastrutture pubbliche


4) Troppa gente è stata torturata ed uccisa dai regimi sostenuti dalla Scuola di Chicago e da Milton Friedman - sul perchè di questa, per me, oscura affermazione, ne leggerò!


5) Gli americani sono anestetizzati, colletivamente immobili di fronte ai problemi. Dovrebbero arrabbiarsi.


6) Quello di Naomi non è un saggio, ma un appello morale atto a suscitare una forte reazione emotiva


... e devo dire che, almeno in me, la voglia di capire le notizie economiche di questi giorni, al di la della cartolarizzazione e dei mutui sbroccati... è notevole!
... e Beppe Grillo ha raccolto circa 300.000 firme con il suo "V-Day"...
BRAVOOOOOOOO!




Thursday, September 6, 2007

Luciano Pavarotti

E' morto Luciano Pavarotti! La cosa mi rende triste... nonostante non fosse da anni quella voce bella, unica, italiana che fioriva dai solchi dei vecchi Decca degli anni '60, dove un azzimato Lucianone, capelli imbrillantinati - quasi un sosia di Orson Welles - fresco di Conservatorio, cantava come un usignolo, coccolato in tutta Europa, alla Sofiensaal di Vienna, al Concertgebouw di Amsterdam, all'Opera di Parigi e poi... in tutto, TUTTO il mondo... in quegli anni, niente eccessi, fazzolettoni bianchi e barbe e capelli neri corvini... solo Arte, passione, culatello e buona cucina modenese... ed il grande Luciano diventò il fenomeno planetario che è stato per decenni, una Ambasciata italiana nel mondo, + che un'ambasciatore, data la stazza... Poi la svolta gigionesca, giovanile e giovanilistica, le collaborazioni miliardarie con Bono, Brian Eno, Bob Geldof e le platee di giovani che MAI si sarebbero avvicinate al Bel Canto... Pur negli eccessi ed il gossip degli ultimi anni, dicevo: la nuova moglie/segretaria, i Tres Tenores, i concerti di easy listening, Luciano Pavarotti è stato una voce unica ed irripetibile, una personalità immensa... certamente non solo una barba tinta... è stato talmente grande da reggere anche il declino artistico e le stecche degli ultimi concerti prima della malattia... R.I.P. Lucianone e grazie... ti ricorderemo sempre con quella tua parlata morbida, felliniana. Le tue vecchie registrazioni ti han già dato l'immortalità!

Sunday, September 2, 2007

Cittadino del mondo!


Odo già i fischi, laggiù dal fondo, da chi non mi conosce;-) ma negli ultimi tre giorni, con Skype o senza, è stato bello, strano come fosse la prima volta, esaltante quasi, parlare con un po' di amici e conoscenti in giro per il mondo: poco fa chiaccherata con Thomas a Berlino, ieri pomeriggio con Rudi ad Amsterdam, venerdì con Giovanni a Los Gatos, California... perchè ve lo racconto? Non certo per fare lo sborone... sto ascoltando un pigro, pigrissimo domenica mattina il meraviglioso "Wolf City" dei mitici Amon Duul... QUESTA colonna sonora del momento mi spinge a pensare "cosmicamente" come se avere chi ti conosce a migliaia di kilometri dal te fisico, costituisse una ramificazione, una propaggine altrettanto vera del tuo corpo in carne ed ossa... mi sento bene, mi sento in armonia con le cose che mi circondano, anche se quest'anno, complice e colpevole il computer, molti dei miei rapporti si sono svolti virtualmente, nel Web... è in corso una mutazione... sto perdendo tono muscolare e mi sto preparando ad una vita "altra"? ... e che mondo è quello dove mi allargo?
Devo uscire in bicicletta a prendere il giornale... mi sa che il Krautrock non mi sta facendo bene!!!
;-)

Friday, August 31, 2007

Angelo D'Arrigo


Ieri sera a Superquark di Piero Angela hanno trasmesso qualcosa di particolare, unico come il protagonista del documentario, una storia vera, come vero è stato il tragico epilogo.

Angelo D'Arrigo è stato un visionario, un poeta, un Icaro che aveva trovato le ali ideali con le quali volare, contro natura se vogliamo, verso il Sole... ha volato sull'Himalaya, sulle Ande, sulle Alpi... la sua passione l'ha fatto avvicinare agli uccelli, suoi Maestri, anzi al Re degli uccelli.

Nella forma fisica di due fratelli, due splendidi esemplari di condor andini, Inca, il maschio e Maya, la femmina.. trovati, guariti e cresciuti, ha volato con loro nei cieli di Sicilia e poi, dopo l'imprinting, presentato nel documentario con poesia e rigore scientifico, i due giganti dell'aria che consideravano Angelo e la sua famiglia, LA LORO famiglia... sono ritornati tra i picchi delle Ande peruviane... ho visto le immagini toccanti della bella e triste storia con l'audio della Tv azzerato mentre la musica di Sakamoto da BTTB, musica per piano solo andava... una pratica che amo fare di quando in quando, per elevare la tv a finestra sul mondo e non a mondo;-)))

Quanta bellezza, ho pianto... il povero Angelo è mancato al mondo ed ai suoi cari cadendo banalmente da 200 m. mentre era passeggero su un superleggero...

... nessuno potrà dimenticare, io nemmeno, il suo sguardo, le carezze a Inca, le danze di felicità del rapace quando atterrava ai piedi di Angelo.

Due mondi distanti un cielo si sono parlati, guardati negli occhi. Un miracolo.



Thursday, August 30, 2007

Stella 12 strings giant guitar...





... come la chiama Woody Mann, conosciuto anni fa a Vicenza... un grande... ma dicevo: Stella 12 strings! Un mito... rare, scalcinate, costose, mitiche e mitizzate... le chitarre dei bluesmen... come ho già scritto, ne possiedo una replica... un suono UNICO, personalissimo...

Stefan Grossman, tanto antipatico quanto buongustaio in fatto di chitarre possedeva un'originale e fu "consulente" di Gryphon Guitars, con il sostegno manuale di Mario Martello e Jon Lundberg, liutai storici della Berkeley di Robbie Basho, Country Joe McDonald e tutti gli altri che gravitavano in zona UCLA e San Francisco... dicevo consulente... nell'approntare un "labour of love" come dicono gli americani: 8 repliche della summenzionata Stella 12 corde... ne avevo letto, l'avevo anche cercata, ma... OTTO!!!!! pezzi prodotti.... e quandomai?!?!? e poi, proprio oggi, cazzeggiando nel Web... ECCOLA!




Peccato sia stata trasformata in left-hand (pratica NON eseguibile su altri strumenti convenzionali, ma la Stella usava un "ladder bracing" incatenatura a scala, che la rende ambidestra - furbetti;-))... bella... quasi quanto la mia, ma con in + quell'aura di folk revival californiano...

Bert Jansch


Amo Bert Jansch! Ho avuto la fortuna di vederlo un paio di volte dal vivo, negli anni d'oro - fine anni '70s - con il suo stile ha influenzato generazioni di chitarristi in tutto il mondo - uno stile asciutto, personale, unico e "quella" voce.

Tradizione ed innovazione, e MOLTISSIMA umanità... un uomo che ha sofferto, è passato dall'olimpo del rock, suonando al Fillmore e, dopo aver attraversato alcuni anni di etilismo, ha gestito un negozio di chitarre alla periferia di Londra ed è ripartito a suonare in pubblico dagli amati pub di campagna, ritornando, a furor di popolo, ai concerti in Giappone, Sud Korea... lo adoro.

Proprio a proposito del Giappone, alcuni giorni fa ho trovato da EIL.com una copia, rarissima, del suo seminale "Rosemary Lane"... tenete presente che possiedo una ottima "ristampa" del 1972, strausata, e l'originale prima stampa del 1969 su Transatlantic... avevo bisogno della copia Japan pressing?

Dopo averla ricevuta, posata sul piatto ed ascoltata... la risposta è: SI!

Ci sono i testi!!!!!!! ... e la resa è, se possibile, ancora migliore della già ottima prima stampa inglese! Il vinile vergine, la registrazione, effettuata da Bill Leader in casa nel Sussex dello stesso Bert nel corso di alcuni weekend e mixata dal geniale Nic Kinsey ai Livingston Studio, è SOLO voce e chitarra, nessuna sovrincisione, MA è un capolavoro assoluto... viva, trasmette tutto ciò che l'artista aveva da dire...

35 sterline VERAMENTE ben spese...

Wednesday, August 29, 2007

Leica M8 - la prima "vera" digitale Leitz!


La voglio!!!!!

L'ho usata poche ore fa e... devo averla: Babbo Natale o qualcos'altro, devo averla... niente + foto sgranate, povere in dettaglio, pressapochistiche... venderò la mia fida ma inutilizzata M4-P e terrò gli obiettivi... e regalerò la piccola digitale ai ragazzini del parco... spero di non essere scambiato per un pedofilo;-)))))))
BELLISSIMA.


Monday, August 27, 2007

Silvia Boschero.... santa Donna!


Silvia Boschero è una santa donna... trasmette da anni su RadioRai1 con passione e competenza, sa di West Coast, di musica del Mali (Ali Farka Tourè, Rokia Traorè...) e di molto, molto altro e con la sua trasmissione Village illumina il panorama radiofonico nazionale con buon gusto, leggerezza e cultura, musicale e tout court.
Date un'occhiata alle "scalette"... FANTASTICHE!
Grazie, Silvia!

http://www.radio.rai.it/radio1/radiounomusica/village.cfm

Sunday, August 26, 2007

La Rivista Ideale


Molte sono state le mie riviste ideali: Ciao 2001, Muzak, Gong... Linus e AlterLinus, Urania, Pikappa di Peter Kolosimo, Pianeta, Airone, The Absolute Sound... tutte avevano varietà, stimoli a non finire, novità... la sensazione di essere SEMPRE aggiornato e Cool;-), nei rispettivi settori, fossero musicafumettinaturafantascienzaaudio.
Da alcuni anni... questa coolness mi arriva solo da Mojo, rivista inglese che acquisto da tempo, ricchissima di spunti ed informazione, in perenne equilibrio tra novità e agiografia del rock e dall'italiana Blow Up!, idem come sopra, solo in italiano, con forse una + marcata predisposizione per ciò che è "strano" (weird, direbbero su Mojo...)
L'ultimo numero che ho letto di Blow Up!, ad esempio, riporta sullo stesso numero - il 109 - una intervista con Anne Briggs, mia GRANDE passione, una recensione su The Great Koonaklaster Speaks: a Tribute To John Fahey, di cui sto leggendo il terzo ed ultimo libro, uscito postumo "Vampire Vultures", purtroppo solo in inglese... pazzesco! ed un bell'articolo su 100 spunti in altrettante pietre d'angolo del rock... Gino Dal Soler è sintonizzato su certe onde che ho sempre bazzicato... anche per me, come anche dicevano John Coltrane e Miles, una nota racchiude un mondo... ed ecco Blow Up! parlare di certi momenti di Three Friends dei grandi, amati Gentle Giant, Bruce Palmer con Cycle is Complete, Paul Kantner, Grace Slick e David Crosby da Blow against the Empire "A Child is Coming", con quell'impasto cosmico di acustiche e piano e la voce di Crosby, schegge sotto pelle... d'oca, i Doors di Light My Fire, Nancy Sinatra di These Boots are made for Walkin', con quel basso dum-dudududuum.dudududum...yeahhh... gli Strawbs, ed ancora in Happy Trails dei Quicksilver Messenger Service, quando durante la suite Who do you Love, Gary Duncan, con una chitarra + lancinante di John Cipollina, ed il pubblico con un handclapping perfetto, montano un vero canto, un inno sciamanico... e Baba O'Riley degli Who... chi ha mai ascoltato altro del gruppo di tale forza...un totale di 100 di queste chicche!

Ed io che pensavo di essere un pazzo visionario quando riascoltavo PROPRIO questi frammenti... ad esempio sul raro bellissimo disco di Bruce Palmer, ho consumato la traccia, 3 minuti 3, di Alpha Omega Apocalypse... diavolo di un Dal Soler, Lui lo sapeva... vedere messo in parole ciò che hai sempre sentito e pensato... beh... Vi leggerò fino alla fine dei miei giorni... http://www.blowupmagazine.com/ e http://www.mojo4music.com/
INSOSTITUIBILI! IMPERDIBILI!!!